Home Cronaca La violenza che silenzia la voce di chi protesta veramente | VIDEO

La violenza che silenzia la voce di chi protesta veramente | VIDEO

da Giornalettismo

Si è parlato di rabbia sociale, ma le immagini che sono arrivate nella notte da Torino simboleggiano pura violenza che nulla ha a che vedere con le richieste di ristoratori ed esercenti dopo la firma e la pubblicazione dell’ultimo dpcm. Video e foto che mostrano atteggiamenti al limite (anzi oltre) il criminale e che penalizzano – come accaduto nella notte tra venerdì e sabato – a Napoli, le vere intenzioni della maggior parte dei commercianti, scesi nelle piazze e nelle strade (da Nord a Sud) per protestare civilmente. E il video spaccano vetrine Gucci in via Roma, nel centro di Torino, sono l’esatta fotografia delle degenerazione aizzata e sfruttata da chi ha solo voluto non perdere l’occasione per generare il caos.

LEGGI ANCHE > Vetrine rotte e danni, i video dei vandali a Torino scatenano polemiche

Il video pubblicato sui canali social della pagina Welcome to Favelas ha fatto il giro del mondo in poche ore. Ma questo non è l’unico esempio di quanto accaduto nell’ennesima folle notte italiana.

QUANTO CAZZO MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANA OGGI.

pic.twitter.com/3PpyTv5KLE#ItaliaSiRibella

— Rosy Di Carlo (@realrosydc) October 26, 2020

Video spaccano vetrine Gucci a Torino

Ragazzi, per lo più giovani (come si intravede dalle immagini del video spaccano vetrine Gucci a Torino) il cui unico obiettivo è stato quello di sfruttare il caos per dare sfogo alla propria libera violenza. Impossibile pensare, infatti, che qualche negoziante o ristoratore decida di prendere d’assalto un negozio, sfondandone la vetrina e portando via manichini e vestiti. Insomma, la classica violenza senza senso. Così come altri gesti immortalati e pubblicati sui social.

 

Spero si denunci…#ItaliaSiRibella pic.twitter.com/ZD6Q4zO1aN

— Francesco Finardi (@Fredyfinardi) October 26, 2020

Complimenti a chi “manifesta” per il declino dell’economia rovinando con le proprie mani le attività di terzi e i beni pubblici. Domani le nostre tasse non saranno spese per l’emergenza Covid ma per risanare i vostri danni.#ItaliaSiRibella pic.twitter.com/1efzlXj8cP

— Rea Lity 📺 (@realityandchill) October 26, 2020

La violenza che svilisce le manifestazioni vere

Da Torino a Milano. Scontri con la polizia, con bombe carta lanciate contro le volanti che pattugliavano alcune zone.

E stasera tocca a #Milano. Poco più di 100 persone invadono Corso Buenos Aires, lancio di molotov contro la volante e poi un’altra bomba carta. #lockdownitalia pic.twitter.com/7dOn68PZTq

— Rassegnatweet (@rassegnagram) October 26, 2020

Tutti atti di violenza che tolgono la voce a chi aveva la vera intenzione di manifestare contro i provvedimenti più stringenti dell’ultimo dpcm che, inevitabilmente, vanno a toccare e intaccare le casse di molti gestori di locali, ristoratori e negozianti. Ma il tutto rischia di essere vanificato da questi gesti di pura follia di chi vuole sfruttare il caos per generare altro caos. Con un unico risultato: la cronaca porterà a parlare di questi atti e non del senso reale delle manifestazioni civili e pacifiche che si sono svolte e si svolgeranno in tutta Italia.

(foto di copertina e video: da Twitter)

L’articolo La violenza che silenzia la voce di chi protesta veramente | VIDEO proviene da Giornalettismo.

Continua a leggere l’articolo qui -> La violenza che silenzia la voce di chi protesta veramente | VIDEO
Autore:

Enzo Boldi

Articoli correlati